Endodonzia: Risparmiare 1500 € all’anno grazie al digitale. L’esperienza di un cliente

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

risparmiare in endodonzia grazie al digitale

Nel mio lavoro, è evidente che l’esperienza ci mette nelle condizioni di avere una marcia in più e di poter risolvere alcuni problemi prima che ti si presentino davanti.

Intendo dire che spesso avendo individuato la tipologia di cliente sai già che per le caratteristiche riportate, il ventaglio di problemi che ti si presenteranno davanti saranno sempre i soliti e molto spesso il cliente risulta completamente ignaro di ciò .

Sì, è proprio così, spesso noi tutti abbiamo dei problemi intrinsechi della nostra categoria di cui non siamo a conoscenza (a volte pure molto costosi) e che non riusciamo ad individuare se non attraverso l’intervento di qualcuno che sviluppi un’analisi all’interno dei nostri processi lavorativi.

Una cosa similare accade nel controllo di gestione.
Sappiamo che lo studio va bene, il fatturato cresce risulta più che sufficiente per sostentare tutte le entità presenti all’interno dello studio, ma non si sa come mai, a fine mese rimane meno di quello che ci si aspetta.

Allora si chiama un consulente di gestione, che esamina tutti nostri introiti E le nostre spese e alla fine di questa disamina tira fuori dei bei dati che ci faranno chiarezza sulle criticità della nostra organizzazione.

Allo stesso modo, nel mio piccolo, quando entro all’interno di uno studio cerco di creare fuori quanti più dati possibili per agevolare la crescita sia organizzativa che economica di uno studio odontoiatrico.

Come lo faccio?

Prendiamo il caso di uno studio fiorentino a cui ho appena fatto risparmiare 7500 € in cinque anni.

 

Il dottore fa prevalentemente endodonzia e utilizza molte pellicole endorali per la sua professione. Parliamo di circa 3000 €  all’anno.

Oltre ai problemi legati agli eccessivi costi che questa pratica comporta, il dottore sviluppando così tante immagini, aveva un grande problema di archiviazione.

Immagina in così tanti anni di carriera, che tipo di archivio servirebbe per ospitare così tante endorali!

Naturalmente il dottore di tutto questo era completamente all’oscuro.

La prima cosa che ho fatto è richiedere attraverso il commercialista l’ammontare dei costi relativi a pellicole, liquidi di sviluppo smaltimento.

Venuto fuori che la spesa totale era circa € 3000, abbiamo fatto presto a suddividere la spesa in circa € 250 di costi medi mensili.

La seconda operazione che abbiamo fatto è stata quella di capire le tipologie di pellicole che venivano usate prevalentemente in quello studio.
È venuto fuori che il 95% delle pellicole utilizzate erano di misura due ed il restante 5% di misura zero . Insomma in quello studio si utilizzano solo 3 × 4 e 2 × 3.

Attraverso questi dati ci siamo orientati su Uno scanner ai fosfori Che fosse qualitativamente compatibile con le aspettative altissime del dottore e che sviluppasse almeno quelle due misure di lastrina.

In Quattro e quattrotto abbiamo identificato la tipologia di strumento ideale per lui (se vuoi sapere qual è mi scriverà in privato) E successivamente abbiamo fatto i conti in tasca allo studio.

Con la mia soluzione digitale abbiamo risparmiato circa il 50% Dei costi mensili per le endorali e abbiamo ottenuto delle immagini che non hanno nulla da invidiare alle pellicole tradizionali.

Oltre a questi fattori, abbiamo avuto dei piacevoli effetti collaterali secondari che hanno indirettamente migliorato:
– l’archiviazione delle immagini.
-La velocità di reperimento
-Una standardizzazione della qualità, eliminando le grandi variabili chimico-fisiche dei liquidi di sviluppo (sensibilità a lla temperatura, pressione ecc)
-Velocità nell’ottenere l’immagine sul computer (solo 30 secondi anziché Quattro minuti).
-Maggiore soddisfazione delle assistenti che non dovranno più maneggiare acidi

In questo caso le immagini verranno salvate e risalvate in diversi backup in modo tale da avere sempre delle copie a disposizione qualunque cosa succeda Al computer.
Le immagini saranno esenti dall’usura che il tempo esercita sulla pellicola in cellulosa, quindi non si cancelleranno mai.

Abbiamo ottenuto dei benefici sulla organizzazione e sulla gestione delle immagini più vecchie davvero senza precedenti.
F’ora in poi aprendo la scheda del paziente, il dottore si ritroverà tutte le sue immagini ordinate per categoria, per data o per qualunque altro parametro lui ritenga opportuno.

Adesso ti faccio una domanda: quanto spenderebbe in cinque anni con le pellicole tradizionali?

 

3000€ × 5 = 15.000€

Ti ho fatto questa domanda perché il dottore Per l’acquisto dello strumento ha deciso di avvalersi di un leasing di cinque anni.
In questo modo, compresi gli interessi, il dottore ha potuto risparmiare approssimativamente € 7500 in cinque anni!

1500 € all’anno di spese in meno ottenendo Per di più tutta una serie di vantaggi organizzativi che in uno studio dentistico non hanno davvero prezzo.

So cosa stai pensando. “Ma io non ho assolutamente quei numeri, 3000 endorali le sviluppo in 10 anni”!

Ti assicuro che ha detto così anche il dottore in questione.
Ma anche se così fosse, ti invito comunque a valutare i tuoi costi in maniera esatta poiché nella tua routine quotidiana non puoi avere il polso della situazione su tutto ciò che accade all’interno del tuo studio.
Quanti guanti, quanti tovaglioli e quante pellicole consumi in un anno?

Magari hai fatto questo lavoro qualche anno fa e credi che quei numeri siano sempre uguali ed invariati nel tempo .
Fidati, fai fare un conteggio al tuo personale o direttamente al commercialista, sarai stupito dai numeri che verranno fuori.

Dopodiché, se ne hai voglia, contattami e fissa un appuntamento con me per una consulenza completamente gratuita.

Faremo il punto sui numeri e sceglieremo lo strumento più adatto alle tue esigenze.

Fatto questo proveremo lo strumento su un paziente e sarai tu a decidere se la qualità espressa dalla macchina risulterà all’altezza delle tue aspettative.

Non perdere tempo, ogni giorno che passa sono soldi in meno che ti rimangono in tasca.

 

A proposito.
E se il conteggio lo facessimo a 10 anni anziché a cinque?
Semplice, allo scadere dei cinque anni il dottore avendo finito di pagare il leasing, sarebbe libero da costi ulteriori.
L’unico costo che dovrà sostenere sarà quello relativo all’acquisto di nuove lastrine ( in media € 70 cadauna per 1000 esposizioni ) e quello delle bustine monouso, davvero poco incidente da un punto di vista economico.

Quindi, Non avendo ulteriori spese, per i successivi cinque anni ci sarebbe un risparmio di circa 15.000 €, Che sarebbe, come abbiamo detto, la spesa totale utilizzando le pellicole tradizionali.

Quindi il risparmio in 10 anni È dato da 15.000 € +7500 € =22.500 €
Volendo arrotondare per difetto comprendendo in modo forfettario le spese di Lastrine ai fosfori e bustine, potremmo stabilire che in 10 anni il risparmio totale per uno studio che spende 3000 € all’anno per la gestione globale dell’endorali in cellulosa è di circa 20.000 €.

Se per i prossimi 10 anni questi 20.000 € vuoi tenerteli in tasca e non sperperarli in malo modo, non ti resta che contattarmi attraverso il modulo che troverai qui sotto.
Au revoir

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *